Nuova recensione per l'antologia "Io sono il Nordest"


Una bellissima recensione sul blog "Gli scrittori della porta accanto".

Perché ancora oggi una donna è obbligata a fare una scelta. Oppure non ha scelta alcuna. Che poi è la stessa cosa.

Perché a volte arriva il momento in cui una frase velata d'altruismo cela la triste realtà dell'umiliante dipendenza economica dal marito: «Se facciamo un figlio non puoi anche lavorare. Chi starà con lui? [...] Tu potrai rimanere a casa a fare la bella vita, come le signore» ("Io mi salverò", Michela Scapin). Si inizia col lavoro, poi con gli interessi, le passioni, infine coi sogni. A lei spesso è chiesto di sacrificare tutto, perché le sue priorità non sono mai tali se paragonate a quelle di chi le sta intorno. Lei deve essere moglie devota, sempre pronta a soddisfare il bisogno, anche sessuale, di un uomo che spesso non ha la minima attenzione al suo piacere – o, al contrario, mendicare attenzione da chi non ha più alcun interesse, perché ormai il corpo di lei non è più attraente ("Senza lacrime cattive", Annalisa Bruni) –, madre presente per i figli, perno di famiglie in balia di crisi finanziarie ed esistenziali ("La crisi", Serena Antoniazzi - "Il fermaglio di Tessa", Maria Pia Morelli). Per poi finire come una scarpa vecchia: messe da parte perché ormai il sentimento si è consumato. Oppure continua con la sua carriera, salvo poi sentirsi comunque in colpa, perché organizza eventi internazionali ma non riesce a organizzare una festa del compleanno al figlioletto. E si sente sbagliata: «Sono una madre assente, una pessima madre. Domani mi licenzio, sì me ne vado» ("Save the date", Michaela K. Bellisario).

Leggi tutto l'articolo cliccando qua

Instagram

Ascolta il mio podcast su iO Donna

©2020 by Michaela K Bellisario. Join my mailing list 
Click here to contact

  • Facebook Social Icon
  • Instagram Social Icon